Accendilo tu questo sole che ho dentro ….

Accendilo tu questo sole che ho dentro ….

- in Comunicazione, Web
2052
54
elisa1

Più o meno in questi giorni di 3 anni fa nasceva questo blog. Decisi allora di modificare la mia presenza online da semplice sito di presentazione a qualcosa che non avevo nemmeno io idea di cosa sarebbe diventato. Un vero e proprio viaggio conoscitivo nell’ignoto mondo del web. Eh sì, ignoto anche per me che per mestiere mi occupo di comunicazione online ma che mai avevo affrontato in prima persona il progetto di un blog aziendale. Essendo poi che la mia piccola azienda ruota intorno a me perché di fatto sono io, è anche blog personale.

Tre anni sono pochi ma anche tantissimi. Tra un migliaio di articoli e migliaia di commenti, di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. Ormai arrivano talmente tante mail al giorno che è diventato davvero faticoso rispondere a tutti, ci vorrebbe una vera e propria redazione, ma si perderebbe il senso di questo blog.

“Accendilo tu questo sole che è spento… la vita di un uomo è in mano ad una donna…” sono le parole di un refrain di una canzone degli anni ’60 cantata da Gianni Morandi, il “Gianni nazionale” che è tornata in auge in questi giorni. Ebbene, tutti coloro che mi hanno scritto, confortato, spinto, motivato, criticato e aiutato, mi hanno dato l’energia per continuare. Avete acceso il mio sole, mi avete dato un senso nuovo per la mia attività al punto tale che la mia attività in 3 anni è cambiata totalmente.

Qualcosa di ancora più bello però sta succedendo: il blog comincia a non essere più mio ma anche di quelli che con una certa frequenza sono qui a commentare, a condividere idee, pensieri e opinioni. Qualcuno scrive che “E’ un po’ che non leggo e non vedo Paola Cinti” o “Mi piace quello che dice Vasco” ecc… come se si fosse in qualche modo coagulata una piccola comunità da me indipendente di cui faccio parte anch’io. Penso alle imprese e alla we-economy: se avessero il coraggio, gli imprenditori, di lanciarsi in una avventura come di fatto è questo blog, potrebbe davvero diventare interessante. Finiremmo per non essere nemmeno obbligati a trovarci su Facebook e a sciropparci le politiche di marketing e di business dei soliti noti.

La consapevolezza poi di essere in un posto dove puoi dire ciò che pensi senza che qualcuno possa limitare le tue opinioni o censurarle perchè “questo non si dice, questo non si pensa, questo non devi farlo” … è fenomenale. Poi ci si mette lo Stato con le sue leggi bavaglio ma questa è un’altra storia.

Aprire questo blog è stato come lanciarsi da un palco in mezzo alla folla. Voi penserete che sono un pazzo visionario o un emerito idiota a dire una cosa del genere, ma credetemi, è così. Mettersi a nudo scrivendo esattamente ciò che si pensa significa abbandonarsi letteralmente alla pubblica opinione. Poi dipende ovviamente dal grado di popolarità e le sensazioni vengono esaltate. Bisogna fare molta attenzione e avere equilibrio, il rischio di scivolare sulle classiche bucce di banana è alto. Ringrazio pubblicamente Vasco per i suoi consigli in tal senso!

Perchè vedete, un conto è parlare solo in ambiti professionali o meglio del proprio ambito lavorativo, un conto è essere più generalisti e aprirsi con tutti … sei lì con le chiappe al vento!

Però è dannatamente intrigante! Non riesco nemmeno a smettere di scrivere! Devo dire che sta diventando persino un valido esercizio per mantenersi in forma. Più scrivi e più scriveresti e così i pensieri diventano parole e poi ordine mentale. Diventi un fiume in piena. Io ho limitato il numero dei post a circa 3 alla settimana perchè molti lettori mi hanno chiesto di farlo in quanto non riuscivano più a seguirmi. Era troppo.

C’è però di più. La mia presenza virtuale ha portato effetti benefici anche nella mia vita sociale. Ho conosciuto diverse persone speciali, Nicola, Marco il mio e sottolineo MIO Presidente, Tiziano, Emanuela, Pietro, Susanna, la Marlis! Paolino, ma anche Davide e le sue donne superprofessionali, Matteo e il suo socio Nicola, Piero (il carissimo Piero) ma l’elenco diventa incredibilmente lungo. Persino il mio Sindaco, quello “svitato” che svitato non lo è affatto, uno che in ufficio ci va in bicicletta altro che auto blu! E se dimentico il professore labirintico di Roma, mi uccide! E che dire della Paola? Ruolo fondamentale il suo, in questo processo di crescita spinto a velocità spaventose.

Ma cosa sarebbe questo blog senza mia moglie? Tra pochi giorni è il nostro anniversario da quando siamo insieme e sono passati 17 anni … La mia musa ispiratrice che mi legge, mi critica, mi ascolta e porta infinita pazienza. Portare in casa un blog come questo, significa cambiare degli equilibri in famiglia sapete? Non è mica così semplice quando una persona è abituata ad averti tutta per sé e si ritrova a doverti dividere con migliaia di sconosciuti. Se poi aggiungiamo anche il gruppo su linkedin che continua inesorabilmente a crescere …

Allora a te Elisa, moglie mia, dedico questa canzone cambiando il testo del refrain:

Accendilo tu questo sole che ho dentro! La vita di un uomo sta in mano ad una donna … e quella donna sei tu!

Qui sotto il video niente male di Mauro Ermanno Giovanardi che ha ripreso e riproposto la canzone avendo la delicatezza di non riarrangiarla troppo rispetto all’originale.


About the author

Istrionico, ironico e positivo. Mi definisco così. C’è chi mi definisce colto ma io non lo penso. Credo che la vera cultura sia ben altro. Ho la fortuna di essere nato a cavallo di due culture, quella tedesca e quella italiana e sono perfettamente bilingue, questo per me è sempre stato un grande vantaggio. Sono convinto che siano le cose fatte, quelle che dimostrano ciò che davvero sei. Perciò, andiamo avanti!

54 Comments

  1. Bellissimo questo post. Beh anche noi ringraziamo te, dai! In fondo hai cominciato tu. Noi siamo qui e leggiamo. Salutaci tua moglie!:-)

  2. Molto carina tua moglie! Immagino che sopportarti comporti enormi esercizi di yoga e analisi interiore per aumentare il livello di pazienza!
    Scherzi a parte, molto bello il post. Continua pure a scrivere!

    1. Posso garantire che sopportarmi non è facile!

  3. Carlo Pisacane (Umberto)

    Hellaaaaaaaaaaa!!!! E io? A me non mi hai nominato, essere insipido! :-)

    1. Ti nomino adesso e ti accendo?

  4. Ah… quel sentimentale di Andreas. Altra lezione di social networking? Colpito e affondato!

  5. Che dirti? Viva Elisa!!!!!! :-) e un bacio a te….

    1. Eh beh, piacere di averti incontrato, quel giorno …. :-)

  6. Mi associo al pensiero di Umberto… :-(

    1. Ma statte zitto, pistola! Che te non sei nemmeno classificabile! :-)

  7. Notevole il video e anche il post.
    Vi faccio gli auguri a modo mio….consideratelo come una specie di simbiosi.

    Ciao

    http://www.youtube.com/watch?v=ZaTEdi9tKDM&feature=related

  8. E’ bello leggere queste cose soprattutto quando scrive un blogger come te sempre massicciamente incazzato col mondo. Devo dire che 99 volte su 100 condivido pienamente con le tue incazzature, ma queste finestre di dolcezza, di anima e di umanità, messe in piazza così, sono un gesto molto bello. Dichiarare l’amore per la propria donna in pubblico ma con tatto e senso del privato nonostante la piazza è bello.

    Andreas, io sono uno di quelli che ti ha scritto sempre in privato perché non ho mai avuto veramente il coraggio di buttarmi nella mischia, sono uno sempre molto schivo. Però qui c’è davvero una bella mischia e devi ringraziare davvero (ripeto il davvero) le persone che ti commentano, ti seguono e reggono il filo del tuo discorso in modo sublime ed efficace. Sì, questo blog non è solo tuo, magari sei il padrone di casa ma le discussioni poi le fanno gli altri.

    Ciao!

    1. Sottoscrivo in pieno quello che hai scritto e mando un abbraccio ad Andreas

    2. Finalmente, cavolo! Era ora!

      1. sono in piena sintonia con ciò che ha scritto Natty, e ovviamente tu Andreas!!! Un pò di dolcezza ogni tanto non guasta, mica ci si può sempre inca@@@are!!! Mi sono commossa,,,credimi!!!

        1. Ellapeppa! Si è commossa anche mia moglie!

  9. Fra' Cesco da Mantova

    Desidero aggiungere anche un mio piccolo saluto e agurio: che il vostro sodalizio, la vostra unione sotto il sacro vincolo del matrimonio, continui così!
    Noi siamo qui, mi pare di capire. Sempre se quel “capoccione” di Vasco Da Gama non pensi di usare i suoi scarponi da trekking anche sul mio martoriato fondoschiena. :-)

    1. DEvi avercelo bello grosso secondo me, così Vasco non sbaglia mira! Sai, è anziano!

  10. A me nessun uomo mi ha mai dedicato parole così. Ma non sono nemmeno gnocca come la moglie di Andreas.

    1. pimpa come ti capisco…è la stessa cosa che ho pensato :-((, anche se a dire il vero non sono per niente male ;-))) (bhè se non mi tiro io un pò su!!)

      1. C’è bellezza anche nel modo di essere presenti.

  11. grazie per la citazione…post emozionante. adesso però goditi le ferie!

    1. ma io mele godo eccome!

    2. Ci puoi giurin-giurare. Tu invece mi han detto che hai anche un luglio infernale!

  12. Grazie amore mio bello…ma la canzone vale anche per te. Anche tu hai acceso il sole che ho dentro…come siamo splendenti:-))

  13. Ah, colpo di scena! Andreas-teutonico in versione sentimental-introspettiva! Ti conosco da poco, ma questa mi mancava! Meraviglioso, poliedrico, eclettico, imprevedibile! Un saluto ad Elisa! (e il povero Macchia non lo cita nessuno?).

    1. Macchia è il vero comandante della nave!

  14. Vasco da Gama

    Un grande abbraccio! Felice di essere in una bellissima stanza, con tante finestre aperte sul mondo, e dove si può, cosa rara, parlare e camminare a piedi nudi!!! Gli scarponi, poi, servono fuori….

    1. Abbraccio di ritorno con salto capriato! E non ascoltare Giovi solo perchè una volta gli ho messo le puntine sotto il sedere …

  15. Occhio, che quel malandrino di Andreas, per come lo conosco, ogni tanto perde per strada qualche puntina!

    1. Ti brucia ancora eh?

  16. wawooo …bellissimo….grazie a te per esserti tuffato… anche perchè per la prima volta ho trovato il coraggio di scrivere….

  17. andreas sbaglio o hai dimenticato di citare Nico, forse prima interveniva di più … e poi mi sta così simpatico ;-))

    1. Non l’ho assolutamente dimenticato, anzi è il primo della lista (Nicola) subito prima di Marco il mio Presidente.

  18. Daniela Novara

    Mi accodo agli abbracci! Ci sono anch’iooooooooooooooooooooooooooooooooooo !!!!!!!

  19. Nico c’è sempre, silente eppur presente.
    Mi scuso con Andreas (e con chiunque abbia dedicato un po’ del suo tempo a leggermi) per la latitanza, ma sono molto più impegnato di prima a mettere ordine nella mia vita privata (lo gnometto esigeva assolutamente che dedicassi più tempo/energie alla famiglia!) e a timonare la baracca in un momento – credo – di svolta cruciale.

    Bacio e abbraccio Elisa e faccio notare che il crucco – che dovrebbe starsene quieto in ferie e invece non lo fa! – si è davvero dimenticato qualcuno di importante: il gatto!!

    Resto in attesa del prossimo post: per tornare subito ai consueti livelli a pH1-1,5, suggerirei di parlare di quei simpatici ragazzi dell’AGCOM… no?!

    1. Sbaglio ho hai scritto che era mezzanotte? Ad ogni modo, fai il tuo dovere di bravo papà!

      1. Tranquilla! Ho scritto il post con uno gnomo sulle ginocchia (la sera non dormirebbe mai!) e un gatto ronfante sulla tastiera…

        1. E poi parliamo male degli uomini!

        2. Gnomo e gatto? Fantasticoooooo

    2. Grazie per il “crucco”! Di questi tempi lo considero un complimento. E tu fai attenzione allo gnomo! E sì, parlerò dell’AGCOM!

  20. Fra' Cesco da Mantova

    E salutiamo anche Nico! Sull’AGCOM non mi esprimo. Meglio che io taccia!

  21. Bellissimo articolo. Grazie per le belle sensazioni che riesci a donarci con le tue parole.

    Prima o poi anch’io aprirò un blog professionale/personale oltre a quello che ho già in cui parlo della mia attività sportiva preferita.

    Ovviamente, se lo aprirò sarà anche un po’ merito tuo che col tuo esempio se Maestro per tutti noi.

    1. Fammi sapere quando, che vengo a farci un giro!

  22. Devil Danilo

    Andreas, ancora una volta mi sorprendi. Bellissimo questo post!

  23. Devil Danilo

    Dimenticavo: bella donna anche tua moglie!

  24. mo’ l’incazzoso lo faccio io, va’ 😀

    che cacchio ci fai a bloggare in questi giorni ?
    adesso vengo li’ e ti stronco!!! Andreas, te lo vuoi mettere intesta che sei in FERIE? FERIE = STAI CON TUA MOGLIE, che fa bene ricaricare le batterie!!!

    ti perdono un po’ SOLO per il tema del post… e perche’ tua moglie ha sottscritto 😉

    dai che quando tornate spero siano arrivate le piastre per le piadine da Cesena e spero di riuscire a dimostrarti che una cena tra amici, piacevole e conviviale si puo’ fare anche con le calorie e i cibi permessi dalle diete di tutti 😀

    ah, il video te lo rubo subito che anche mia moglie aspetta le facanze per ricordarsi perche’ mi ha sposato :-)

  25. Veh! Son qui spiaggiato come un capidoglio alla deriva che mi godo sole mare e chiappe al vento!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Binario Etico: riuso di hardware e cloud libero | Tech Economy

  Per noi è stata una scelta fatta