Il Piemonte è una terra ricchissima di formaggi, freschi, duri, stagionati, molli. Ce n’è per tutti i gusti. Ma esiste un formaggio, poco conosciuto, di nicchia dal punto di vista produttivo, che non ha eguali nel mondo, come il Parmigiano Reggiano. Un formaggio prodotto secondo metodi antichi, stagionato in grotte di montagna dove l’aria è pura e incontaminata. Questo formaggio si chiama Castelmagno.

Citando da http://www.vallegrana.it/formaggio_castelmagno.asp

Il Castelmagno deve il suo nome al comune omonimo della Valle Grana, nelle Alpi Cozie, in Piemonte, dove viene prodotto da tempo immemorabile.
Il primo documento ufficiale a registrare l’esistenza e l’apprezzamento del Castelmagno è una sentenza arbitrale del 1277. la sentenza riguarda l’usufrutto dei pascoli delle Grange Martini, nella Comba di Narbona, ai confini tra Castelmagno e Celle Macra.
Nella controversia, il comune di Castelmagno ebbe la peggio ed il prezzo della sconfitta impose il pagamento di alcune forme di formaggio come canone annuo da versare al marchese di Saluzzo.
Apprezzato per la sua qualità, fin dalle sue origini, è stato però riscoperto a livello nazionale ed internazionale solo in anni recenti grazie all’opera di razionalizzazione e standardizzazione delle tecniche di produzione che, seppur tramandate da secoli nelle loro linee generali, restano completamente artigianali e registrano molte varianti legate ai luoghi, ai tempi e ai metodi di lavorazione adottati dai singoli produttori che pur riducendosi di numero, raffinano e migliorano le tecniche di lavorazione del Castelmagno, adoperandosi per una più attenta tutela del marchio.
Oggi, la zona di produzione e stagionatura – da cui deve provenire anche il latte destinato alla trasformazione – è rigorosamente limitata, dal disciplinare di produzione, ai tre comuni dell’alta valle: Castelmagno appunto, Pradleves e Monterosso Grana.

In questo contesto, si posiziona l’azienda agricola “La poiana“. Per chi è interessato e vuole informarsi sul prodotto, non gli resta che contattare l’azienda per avere maggori informazioni. Purtroppo il sito è molto scarno ma non vi è dubbio, che le informazioni ricevute saranno esaustive e interessanti. Non resta che andare!